Nesocell 
Salta di classe

Migliorare la classe energetica significa:

  • bollette meno cara, per sempre
  • comfort e qualità della vita superiore
  • valore immobiliare maggiore

Ristrutturare senza spendere un euro? Adesso è possibile grazie al “decreto Rilancio” e all’introduzione del cosiddetto “Superbonus” del 110%

Il nuovo ECOBONUS

Dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021 scatta il Superbonus del 110% per i lavori in casa finalizzati al risparmio energetico. L’intervento deve riguardare oltre il 25% dell'intonaco dell’abitazione o condominio, per un importo massimo di 60mila euro per unità immobiliare

approfondisci

Quali i vincoli per accedere al beneficio?  Condizione necessaria per accedere al bonus è che gli interventi comportino il miglioramento di almeno due classi energetiche e che questo miglioramento sia dimostrato attraverso l'attestato di prestazione energetica (APE). Allo stesso modo i materiali isolanti utilizzati per l’intervento  devono rispettare i requisiti minimi ambientali previsti dal decreto Ambiente 11 ottobre 2017.  Con Nesocell questi vincoli sono entrambi facilmente superati.

Chi può accedere all’ECOBONUS 110%?

Beneficiari della misura sono le persone fisiche o giuridiche, vale a dire tutti i contribuenti possessori dell’immobile oggetto dell’intervento.

approfondisci

Possono usufruire della detrazione tutti i contribuenti residenti e non residenti (compresi familiari e cointestatari), anche titolari di reddito d’impresa, che possiedono, a qualsiasi titolo, l’immobile sul quale verrà effettuato l’intervento di insufflaggio. In particolare, sono ammessi all’agevolazione:

  • le persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni
  • i contribuenti che conseguono reddito d’impresa
  • gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale
  • i condomini e gli enti che gestiscono le case popolari

ECOBONUS 110%: Cessione del Credito come si concretizza?

Anticipando il costo dei lavori, con una successiva cessione del credito d’imposta alla banca o ad altri intermediari finanziari, in modo da poter ottenere subito il rimborso della spesa sostenuta 

approfondisci

Per quanto riguarda i lavori su singole unità immobiliari, i soggetti che intendono cedere il credito comunicano tutti i dati necessari all'Agenzia delle Entrate entro il 28 febbraio dell'anno successivo a quello di sostenimento delle spese. Il cessionario visualizza il credito nel "Cassetto fiscale" e può utilizzarlo o cederlo solo dopo averlo accettato.

ECOBONUS 110%: Sconto in fattura come si attua?

Cedendo il credito d’imposta all’impresa che realizza i lavori che, a sua volta, potrà utilizzare la somma in compensazione per il pagamento delle imposte o cederlo a sua volta senza limiti, e anche alle banche.

approfondisci

In merito allo sconto in fattura sono attesi i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate. Godono poi della nuova detrazione al 110% anche tutti gli interventi che attualmente accedono all’ecobonus per l’efficienza energetica, ma solo se abbinati all’intervento principale. Rientrano tra le spese detraibili per gli interventi di cui al presente articolo quelle sostenute per il rilascio delle attestazioni e delle asseverazioni previste dal decreto Rilancio.

Esempio

valori classe energetica

Riempi l'intercapedine con Nesocell e salti di classe